Segui le nostre anteprime su Facebook

Les déliberations de l’Assemblée générale du Clergé de France, tenue és années 1660 et 1661, avec ce qui s’est passé sur le sujet des cinq propositions de Jansenius qui ont esté condamnées par les papes Innocent X et Alexandre VII

Paris: Antoine Vitré, 1661. [1], 33, [1] pagine. 30×21 cm.
Rilegatura cartonata moderna. Bruniture e sporadiche fioriture. Alone presso il margine inferiore nella seconda metà del documento che non tange il testo.

_

Documento della massima rarità. Nelle nostre ricerche ne abbiamo rinvenute in tutto dieci copie nel sistema bibliotecario francese e una in quello belga.
Il documento riassume le determinazioni scaturite dall’Assemblea generale del clero francese, tenutasi a Parigi tra il dicembre 1660 e il febbraio 1661, in merito alle cinque proposizioni contenute nella bolla di papa Innocenzo X “Cum occasione” (1653), poi ribadite da Alessandro VII nella bolla “Ad sanctam beati Petri sedem” (1656), considerate riassuntive delle dottrine eretiche espresse da Giansenio nel suo libro Augustinus, ma avversate dai giansenisti perché ritenute non corrispondenti al pensiero del loro fondatore (https://it.wikipedia.org/wiki/Giansenismo). L’assemblea, convocata dallo stesso re di Francia Luigi XIV, ritenne tuttavia veritiere le asserzioni contenute nelle disposizioni pontificie, invitando tutti i vescovi del regno ad attenervisi e a darne immediata esecuzione.
Il presente esemplare reca, sulla lettera circolare in fine, le firme autografe di due agenti generali del clero francese, gli abati de St. Povenges e de Faget.

Share this post