DE SEGUR, LUIGI GASTONE (Monsignor) - BONAPARTE, LUCIANO

Opera della Santa infanzia, documento a firma autografa di mons. Luigi Gastone de Segur e Luciano Bonaparte

€ 90,00

Disponibile

Descrizione prodotto

Roma, 28 febbraio 1853. 25×19 cm.
Documento molto ben conservato, con una lievissima piega orizzontale. [A]

Il documento reca le firme autografe del Presidente, monsignor Luigi Gastone de Segue, e del segretario, il principe Luciano Bonaparte.

La ”Pia Opera della Santa infanzia” nacque ufficialmente in Francia nel maggio 1843 per impegno di monsignor Forbin, in collaborazione con Paolina Jaricot e del fratello del martire Perboyre, morto in Cina, con lo scopo di spingere i bambini abbienti di ogni parte del mondo, specialmente se cattolici, a fornire assistenza ai “bambini infedeli abbandonati”, in particolar modo quelli cinesi.
Tra gli obiettivi dell’organizzazione: ”Salvare la vita e l’anima di bambini poveri, abbandonati, idolatri, procurar loro la grazia del Battesimo ed una cristiana educazione, aiutarli con opere assistenziali e materiali realizzate da parte dei fanciulli cattolici e delle loro famiglie, […] promuovere le vocazioni missionarie, sensibilizzando i fedeli ad una comunione ecclesiale missionaria e all’evangelizzazione ed aiutando gli educatori a creare nei bambini una vera coscienza missionaria, incoraggiandoli a condividere fede e beni materiali con quelli piu’ poveri, guidandoli verso una comunione spirituale e scambio materiale delle loro risorse con quelli di altre Chiese, specialmente quelle piu’ in difficolta’, preparare animatori missionari che accompagnino i fanciulli nel loro cammino per formare una coscienza missionaria piu’ matura, attraverso il loro diretto coinvolgimento e nelle forme che esso assume nei vari Paesi, in modo che i fanciulli diventino i piccoli protagonisti della missione”.
Dalla meta’ dell’Ottocento, periodo in cui la sede dell’organizzazione fu trasferita da Parigi a Roma, sino agli anni Trenta del Novecento, furono battezzati piu’ di 20 milioni di bambini, un milione dei quali furono ospitati negli orfanotrofi dipendenti dall’Opera.

Informazioni aggiuntive

Peso 100 g